Economia Domestica


Consigli su come risparmiare facendo Economia Domestica. Buona lettura!

La crisi dell’occupazione, anche indotta dalla Pandemia da Covid19 attualmente in corso, unita ad una già persistente difficoltà di trovare un lavoro ben pagato, aprono diverse questioni sul modo in cui gli Italiani devono far fronte alle spese.

È opinione diffusa fra i risparmiatori che per evitare di sprecare denaro debbano ridursi, ovvero limitarsi, le spese superflue come i passatempi, acquisto di oggetti non essenziali etc.

Questo è vero, ma fino ad un certo punto. La maggior parte delle spese che sosteniamo durante la nostra vita sono soprattutto relative al nostro sostentamento – ovvero il cibo e l’acqua – e per tutti gli altri bisogni strettamente necessari a consentirci di vivere in società. Per esempio la casa, il riscaldamento, carburante dell’auto, elettricità e così via. In linea generale, tutte le spese connesse alla gestione della casa.

Economia domestica: cos’è

L’insieme delle modalità per cui si analizza, si studia e si capisce come ottimizzare le spese all’interno della propria casa è chiamata economica domestica. Ha il compito di permetterci di capire come gestire i conti di casa per risparmiare.

In anni passati, la materia era addirittura studiata nelle scuole dell’obbligo, anche se esclusivamente a vantaggio delle classi femminili oppure come materia separata nel caso di classi miste.

Questa visione era un retaggio della concezione per cui la donna era Matrona di casa – cosa vera ancora oggi – e si occupava di gestire tutto ciò che doveva transitare dalla porta di casa per la cura della stessa oppure il sostentamento. I risultati, nonostante tutto, sono stati eccellenti. Non a caso, infatti, nel mondo gli italiani sono considerati come i migliori risparmiatori esistenti.

Oggi, l‘economia domestica non viene più studiata a scuola. Tuttavia è parte fondamentale dello stile di vita di ognuno di noi, sia che si viva in famiglia, con la fidanzata, con la moglie o da soli.

In questa guida ti saranno elencati una serie di consigli e suggerimenti per farti capire se stai sprecando del denaro mentre gestisci casa tua, aiutandoti inoltre a trovare dei modi intelligenti e a cui non avevi pensato per portare a casa un significato vantaggio sul risparmio, in modo da disporre di più fondi per i tuoi svaghi oppure per stare al sicuro da eventuali disagi futuri dovuti a problemi economici improvvisi.

risparmiare con l'economia domestica

Fase 1: Diagnosi delle spese e dei consumi casalinghi

Uno dei problemi maggiori che caratterizzano le spese domestiche è non aver contezza di quanto effettivamente è l’ammontare totale di ogni singola uscita economica.

Fare la spesa, con gli annessi e connessi prodotti non strettamente correlati all’espletamento delle funzioni biologiche principali, come i prodotti per la pulizia della casa o la carta igienica, ad esempio, è nella maggior parte dei casi un acquisito automatico, su cui non ci soffermiamo più di tanto.

Quante volte ti è capito di farti trascinare da offerte al supermercato e comprare cose di cui effettivamente non avevi bisogno?

Ogni cosa acquistata, infatti, deve essere rapportata e ponderata in virtù dell’effettivo consumo di cui abbiamo bisogno. Ad esempio, è inutile comprare degli yogurt in abbondanza perché abbiamo un risparmio di 20 centesimi a barattolo, se poi li teniamo in frigo per lungo tempo con il rischio di farli scadere e doverli, irrimediabilmente, buttare. Lo stesso principio vale anche per la corrente elettrica o altri beni di consumo. Evita di tenere i riscaldamenti accesi per più del necessario.

La bolletta molte volte viene pagata senza ragionare più di tanto sulle singole voci che hanno portato all’effettivo importo speso.

Per questo motivo, il primo passo da cui partire è l’analisi delle spese e dei consumi, in modo da avere un quadro chiaro di tutti i costi sostenuti periodicamente.

Gestione spese

Il modo migliore per iniziare a compilare il nostro saldo è tenere conto di ogni singola spesa eseguita per il soddisfacimento di bisogni relativi alla casa.

In questo senso, devono essere tenute in considerazione qui le spese di cibo e bevande, anche quelle occasionali come gli alcolici, prodotti per la pulizia del pavimento e delle superfici.

Inoltre, quando necessario è bene segnare anche le spese straordinarie. Rientrano in questa categoria quelle effettuate per la riparazione di elettrodomestici, ad esempio.

Per tenere questi conti si può fare alla vecchia maniera con carta e penna. Nell’era digitale però possiamo attrezzarci di dispositivi elettronici. Se possiedi uno smartphone, esistono app come Money Pro, Monify e Goodbuy, i quali tengono conto facilmente delle spese e dei consumi a chi vai incontro, permettendoti di capire dove spendi troppo e poter dare rimedio.

Gestione Consumi

Altro aspetto cruciale, di cui puoi tenere conto anche con le app che ti ho citato in precedenza, è quello dei consumi. Nell’economia domestica, sono rilevanti i consumi del gas principale che utilizzi per il riscaldamento, la bolletta elettrica e quella telefonica, solitamente in soluzione duplice sia per quanto riguarda il telefono fisso che la telefonia mobile. Tieni d’occhio anche la bolletta dell’acqua.

Il controllo di queste spese è facilitato dal fatto che il loro pagamento avviene in maniera sistematica alla fine di ogni mese.

Inoltre, non hai necessità di registrare – come nel caso degli alimenti o altri beni di consumo – quante volte lo acquisti, il consumo che ne fai, e via discorrendo.

Prendi in rassegna le bollette di queste utenze dall’inizio dell’anno e calcola a quanto ammonta l’esubero di spesa rispetto a quanto avresti dovuto realmente pagare, visto che solitamente molti di questi contratti prevedono un pagamento fisso mensile.

Una volta fatta la sommatoria di quanto spendi abitualmente, sei pronto per iniziare a capire come risparmiare!

risparmiare facendo economia domestica

Fase 2: Iniziamo a risparmiare

Per questioni di comodità espositiva, dividerò la sezione sul risparmio in tutte le macro sezioni relative ai vari settori di spesa che giornalmente sostieni per vivere e far andare avanti casa tua.

Sentiti libero o libera di visualizzare il settore in cui ritieni di avere più spese; tuttavia ti consiglio di guardare e leggere attentamente ogni sezione in quanto, molte volte, il risparmio si nasconde in quelle piccole cose che sottovalutiamo.

Come risparmiare su gas e luce

Risparmiare sulla bolletta del gas e della luce è molte volte un’utopia. Essendo due beni indispensabili per la tua vita e per la tua casa, tra l’altro gestiti in prevalenza dallo Stato, siamo abituati a vederli come una tassa, più che come un diritto.

Nonostante ciò, sono presenti in Italia molti gestori che lavorano sul cosiddetto mercato libero e offrono tariffe convenienti in concorrenza fra di loro.

Per questo motivo, il primo consiglio per risparmiare e fare economia domestica per luce e gas è perdere un po’ di tempo a valutare offerte online su tali servizi, per cui sarebbe possibile risparmiare rispetto alla tariffa solita.

Ho realizzato due articoli per approfondire:

1. Sostituisci i tuoi elettrodomestici

Un altro motivo per cui la tua bolletta è cara, può essere relativo all’obsolescenza dei dispositivi che utilizzi.

Nello specifico, caldaie, lavatrici, ferri da stiro, frigorifero etc., sono dispositivi che devono stare collegati alla luce e al gas per quasi la totalità della giornata e il loro consumo è inevitabile.

Con il corso del tempo, la scienza tecnologica ha messo a punto sempre più tecnologie in grado di funzionare con la stessa efficienza, tuttavia con un consumo energetico e calorifero minore. Per questo motivo, valuta la possibilità di investire nella sostituzione dei tuoi elettrodomestici o caloriferi con strumenti di classe energetica A+++.

Costano poco e permettono un risparmio non indifferente sul lungo periodo.

cambiare elettrodomestici economia

2. Staccare le spine

Un dato che ti stupirà relativamente al consumo elettrico è quello degli elettrodomestici che, seppur spenti, sono ancora collegati alla corrente.

Questi impattano negativamente sul consumo elettrico in quanto molto spesso hanno delle luci led o altri piccolo indicatori che rimangono accesi e pesano come macigni sul consumo elettrico annuale, con picchi che possono arrivare fino all’11% del consumo annuo di corrente elettrica.

Per questo motivo, prodigati di staccare dalla corrente elettrica i dispositivi che usi una tantum e non hanno bisogno di restare continuamente accesi, ad esempio il forno a microonde, la macchinetta del caffè, televisori, pc portatili, lampade etc. Il risparmio sarà evidente in poco tempo!

staccare spine economia domestica

3. Occhio all’obsolescenza programmata

Questo fenomeno, seppur sembri distante dall’economia domestica, ha forti incidenze.

Quante volte ti è capitato di comprare un prodotto – grazie al basso prezzo – per poi doverlo cambiare velocemente a causa di rottura o malfunzionamento?

Con obsolescenza programmata si intende una pratica portata avanti dai produttori di dispositivi tecnologici per cui un determinato prodotto viene fatto smettere di funzionare prima della sua vita naturale, comportando ingenti costi da sostenere per quanto riguarda la sostituzione.

Per evitare ciò e risparmiare, acquista elettrodomestici di qualità che sono garantiti per anni dal produttore e hanno ottenuto ottime recensioni: ricorda che spendere 100€ oggi, è più conveniente che spenderne 150€ domani!

Risparmiare su bolletta dell’acqua

L’acqua è un bene fondamentale nell’economia domestica, in primis perché garantisce la sopravvivenza e in secundis perché relativa all’igiene personale, pulizia delle stoviglie e così via.

Per risparmiare sui costi dell’acqua, all’interno dell’economia domestica puoi ricorrere a questi piccoli trucchi!

Per maggiori dettagli leggi l’articolo come risparmiare sulla bolletta dell’acqua.

1. Preferisci la doccia al bagno

Una doccia veloce è sempre preferibile rispetto ad un bagno. Seppur possa sembrare che con la doccia si consumi di più, in realtà è l’esatto contrario, tuttavia solo a patto di lavarsi velocemente.

Con una doccia di 10 minuti è possibile risparmiare più acqua rispetto ad un bagno di lunga durata, pulendosi a dovere.

2. Avvia la lavastoviglie e la lavatrice solo a pieno carico

Per pulire i tuoi vestiti, piatti e posate, se usi una lavatrice o una lavastoviglie ricorda di farle lavorare solo a pieno carico, anche a costo di lasciare per qualche giorno stoviglie o panni non puliti.

Considera che questi elettrodomestici consumano acqua e detergente nello stesso modo, a prescindere che tu le carichi solamente a metà o per intero.

Quindi, avviarle solamente a pieno carico significa prendere due piccioni con una fava. A proposito, ricorda che se non possiedi una lavastoviglie perché lo reputi uno spreco, sbagli di grosso! L’investimento per una lavastoviglie ti permette di rientrare subito nei soldi spesi grazie all’acqua risparmiata, e che altrimenti avresti sprecato inutilmente, rispetto alla classica pulizia manuale!

3. Chiudi bene i rubinetti

Può sembrare una banalità ma circa il 5% del consumo annuo dell’acqua in un’abitazione è dovuto anche alla cattiva abitudine nella chiusura di rubinetti e manichette di ogni tipo.

Giorno dopo giorno, gocciolina dopo gocciolina, lo spreco si accumula, con costi che si abbattono sulla tua bolletta e sul mondo intero. Anche se sei di corsa, quindi, ricordati di girare per bene la manopola del rubinetto, anche se sei di fretta e devi uscire di casa.

risparmiare acqua economia domestica

4. Bevi dal rubinetto oppure dalle casette dell’acqua

Il consumo di acqua per motivi alimentari non deve essere limitato – seppur con un occhio di accortezza per gli sprechi – soprattutto durante il periodo estivo.

Molte persone, nell’ambito dell’economia domestica, sono abituate a comprare pacchi e pacchi di acqua in bottiglia, incidendo negativamente sia sulle proprie tasche che sull’ambiente, aumentando gli sprechi di plastica.

Informati se l’acqua del tuo Comune sia potabile, oppure prova ad installare un depuratore da collegare al rubinetto per non dover più acquistare acqua in bottiglia. Inoltre, in molte parti d’Italia, sono presenti comode casette dell’acqua, le quali permettono di acquistarne litri – sia gasata che liscia – a pochi centesimi.

Come risparmiare su Internet

Nell’attesa che la connessione internet venga riconosciuto anche dal nostro Stato come un diritto del cittadino, è necessario adeguarsi in maniera autonoma sottoscrivendo un abbonamento che ci permetta di usufruire di tecnologie che ormai pervadono le nostre vite, come la messagistica istantanea o la ricezione e invio di email.

Nell’economia domestica, il costo della connessione ad internet è rilevante, in quanto sono molte le offerte presenti nel panorama e i vari gestori rimodulano spesso le offerte iniziali, con le necessità per l’utente di doversi destreggiare per risparmiare qualcosa.

Eccoti alcuni consigli!

1. Utilizzare solo il 4G/5G e rinunciare all’ADSL

La prima domanda che devi porti è il motivo per cui utilizzi internet. Se tutto quello che fai è mandare qualche messaggio istantaneo, o guardare ogni tanto qualche video su Youtube, potrebbe essere una buona idea fare a meno di un abbonamento a linea fissa.

Potrai utilizzare semplicemente l’abbonamento mensile del telefono cellulare. Naturalmente, ciò non è possibile nel caso in cui tu lo utilizzi per lavorare. Per consumi casalinghi, però, potrebbe essere una buona idea.

2. Tenere d’occhio le offerte

Un’altra idea che posso darti è quella di controllare molto spesso le offerte presentati dai vari gestori.

Grazie alla grande concorrenza nel settore, e la nascita di vari operatori virtuali a basso costo anche per le linee fisse, non è raro imbattersi in gestori che offrono connessioni adsl flat a basso costo, in piena coerenza con quella che è la nostra idea di economia domestica.

Una buona idea può essere quella di ricercare offerte in grado di consegnarti, in un unico abbonamento, sia il costo mensile di una promozione mobile per il tuo smartphone, che una fissa per la tua connessione adsl. Chi cerca trova!

Come risparmiare sul conto corrente

In un mondo capitalista, anche tenere da parte il denaro costa denaro! Per questo motivo è bene rivolgersi a conti corrente dove è possibile depositare il proprio denaro, come quello dello stipendio, della rendita e dei risparmi, su conti che non hanno un costo eccessivo.

Eccoti alcune alternative per fare convivere la tua economia domestica con il costo delle banche.

Conti online sicuri e che fanno risparmiare

Ormai, tutte le banche si stanno sempre di più digitalizzando.

In alcuni casi, infatti, esistono home banking così evoluti da rendere praticamente inutile il recarsi presso la filiale fisica più vicina.

In regime di concorrenza, sono nati tanti conti correnti online – garantiti da banche affidabili come Unicredit, BPM, Intesa San Paolo etc – in grado di offrire conti interamente online che abbattono i costi di mantenimento, in favore del risparmio.

Molte volte, sono conti che non permettono di inviare bonifici gratuiti oppure spendere al mese più di una certa somma di denaro, tuttavia sono perfetti per chi vuole canalizzare lo stipendio senza spendere in canoni di mantenimento. Vedi, ad esempio, i conti N26, YAP e HYPE.

conti online

Come risparmiare sulla spesa

Il nodo cruciale dell’economia domestica è rappresentato dalla spesa dei generi alimentari, che praticamente incide per quasi la totalità del budget mensile stanziato.

Per destreggiarti fra le fila del supermercato senza rischiare di spendere più di quanto preventivato, eccoti dei consigli per regolarti e soddisfare la tua necessità di risparmio, senza farti mai mancare niente di desiderato.

Per approfondire leggi l’articolo su come risparmiare sulla spesa.

• Acquista prodotti in offerta

Innanzitutto, cerca di acquistare prodotti in offerta, facendo comunque bene attenzione a che non siano di breve scadenza – per evitare di sprecare il cibo e il tuo denaro – e in rispetto delle tue abitudini alimentari.

Ad esempio, non comprare della carne se non la mangi, solo perché in offerta. Inoltre, sono disponibili molte App per smartphone che ti aiutano a fare la spesa risparmiando.

App come Intellilist, DoveConviene oppure RisparmioSuper, ti permettono di visualizzare in tempo reale tutti i supermercati della tua zona, indicandoti i prodotti in offerta o dove convengono di più in relazione alle tue intenzioni di acquisto. Inoltre, a volte forniscono anche coupon sconto che ti aiuteranno a far quadrare i conti!

• Cashback

Un modo per spendere risparmiando è quello del cashback che, sostanzialmente, prevede un ritorno in termini economici sulla spesa fatta.

Nell’ultimo mese, l’Italia ha lanciato il cashback di Stato che prevedeva il ritorno del 10% di ogni spesa fatta direttamente sulla propria carta se si pagava presso qualsiasi esercizio fisico con metodi digitali.

In ogni caso, ci sono vari supermercati come Esselunga che permettono di ottenere indietro una piccola somma di quanto speso: valuta i negozi vicini alle tue zone, oppure quelli online. Inoltre, esistono alcune app idonee a questo servizio come Cashback World o Best Shopping.

• Evitare gli sprechi

In ogni caso, ricordati di comprare solo e soltanto ciò che effettivamente tu e la tua famiglia consumate, anche a costo di restare qualche volta con un po’ di fame.

Ciò che incide di più sull’economia domestica è comprare ossessivamente del cibo che non viene poi consumato. Il che ha un risvolto duplice sia sul piano morale, sprecare il cibo non è giusto, che su quello economico.

Ti è mai capitato di dover buttare della carne perché rimasta in frigo troppo tempo e ormai andata a male? Di sicuro non è una bella sensazione.

economia domestica

Come risparmiare sul trasporto

Spostarsi in città ha un bell’impatto sulla spesa e sull’economia domestica: il carburante costa ed è sempre in costante fluttuazione verso l’alto. Eccoti alcuni consigli per oulala su questo aspetto.

Valuta utilizzo mezzi pubblici

Se vivi in città, lascia a casa l’auto ed esci con i mezzi pubblici. Oltre ad essere poco costosi, soprattutto in caso di abbonamenti mensili, sono molto più rapidi e permettono di evitare di sprecare carburante in mezzo al traffico. Inoltre, molte volte ti costringono anche a fare tragitti a piedi, i quali ti aiutano a tenerti in forma.

Valuta passaggio all’elettrico

Se vivi in luoghi che non sono facilmente raggiungibili dai mezzi, ad esempio periferia o addirittura campagna, purtroppo non puoi fare a meno di un mezzo proprio.

Fortunatamente, il progresso tecnologico oggi permette il ricorso a mezzi elettrici o a metano, i quali consumano di meno. Valuta in base all’economia domestica se ti conviene acquistare un mezzo del genere. Se utilizzi molto la macchina, posso anticiparti che la risposta è favorevole!

Vai a piedi

Se non devi fare compere ma devi vederti con amici al bar, oppure semplicemente fare un giro, valuta l’idea di fare una passeggiata, prendendo due piccioni con una fava.

Ti terrai in forma e al contempo risparmierai del denaro, ottimo per rientrare nel tuo quadro di economia domestica. Naturalmente, fai attenzione al tempo ed evita di affaticarti troppo durante il periodo estivo, oppure uscire senza ombrello d’inverno.

Risparmiare camminando economia domestica

Bonus: Idee Green

Infine, oggi va di moda il green per l’economia domestica. Eccoti alcune idee per risparmiare a casa, non facendoti comunque mancare nulla!

No agli sprechi

Ricicla ogni cosa ti è possibile, dalla plastica ai vestiti: più riesci ad utilizzare quello che hai, meno sono i costi che dovrai sostenere per ottenere un ricambio! Per esempio, non utilizzare l’asciugatrice durante l’estate: appendi i vestiti al sole. Non sprecherai corrente, ma otterrai lo stesso risultato!

Stufa pellet al posto della caldaia

Ultimamente stanno andando molto di moda le stufe a pellet per riscaldarsi d’inverno e, visto il costo della brace, possono essere una buona idea. Valuta con un esperto la possibilità di installarla a casa tua con un tecnico, in modo da avere la certezza di riuscire a riscaldare casa propria, risparmiando.

Cappotto termico e ristrutturazione

Grazie al SuperBonus 110% è possibile ottimizzare i consumi energetici di casa propria, in questo modo incidendo direttamente sull’economia domestica, effettuando dei lavori edili che possono essere interamente pagati dallo stato: informati con tecnici del settore per ulteriori dettagli.

Modi green economia domestica

Conclusione

Come vedi, sono molte le idee e le azioni che puoi mettere in pratica per non pesare sull’economia domestica, contemperando la necessità di non farti mancare nessun comfort, ottimizzando il risparmio.

Ricorda, in ogni caso, che solo tu conosci le abitudini tue e quelle della tua famiglia, soprattutto quelle sbagliate. Piccolezze come lasciare la luce aperta in stanza, oppure il frigo non perfettamente chiuso, sprecare il cibo e così via, sono comportamenti che, corretti con un po’ di buona volontà, e unite ai consigli che ti ho dato, possono portarti a risparmiare molto denaro, il quale potrà poi essere investito per togliersi uno sfizio, ovvero fare una bella vacanza tutti insieme.

Buon rispamio con i miei consigli e, soprattutto, buona fortuna per il futuro! A te, alla tua famiglia e al tuo portafogli!

Quale prossima guida leggerai?

In questa tabella ti mostro alcuni degli articoli di questo blog che dovresti assolutamente leggere. Se il guadagnare soldi, il risparmio e gli investimenti ti interessano, ecco i migliori articoli!

Voter post

Pas de commentaire

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.