Come risparmiare soldi ogni giorno


10 trucchi e consigli su come risparmiare soldi ogni giorno. Buona lettura!

È emerso da un recente rapporto di Bank of America, intitolato “Better Money Habits Millenial Report”, che il 73% della generazione fino ai 41 anni spende troppo in cose superflue.

Il 35% dei millennials interpellati sostengono però di voler scoprire come risparmiare soldi ogni giorno, mentre il 17% ammette spudoratamente di spendere molto di più del budget a disposizione.

La società odierna sta passando per un importantissimo cambio di paradigma che investe in modo totalitario la gestione del denaro.

Conti digitali, luoghi di lavoro condivisi, car-sharing, Apps di pianificazione finanziaria, multi-proprietà, noleggio di qualsiasi cosa, nuove abitudini alimentari.

Il mondo sta cambiando e per non perderti le opportunità di creare il tuo corridoio preferenziale dovrai conoscere tutti i trucchi per risparmiare ogni giorno.

I trucchi per risparmiare ogni giorno

Come risparmiare soldi ogni giorno

Imparare come risparmiare soldi ogni giorno richiede semplici astuzie, tuttavia sostenute da una disciplina pressoché costante.

Essere troppo indulgente con te stesso renderà più lontana la meta di un gruzzolo in tempi da record.

Prima di schematizzare la tua strategia e mettere in atto i trucchi del tuo nuovo management, dovrai fare chiarezza sui tuoi flussi finanziari in entrata e in uscita, poi suddividere le voci del tuo business plan in costi fissi e costi non indispensabili.

Se vuoi costruire la tua indipendenza economica da qualche parte dovrai pure partire.

Inizia a monitorare il tuo budget nell’arco di un mese. Identifica le spese fisse come l’affitto, la rata, le bollette, le spese condominiali, separandole da quelle variabili come abbonamenti TV, corsi, divertimenti e vizietti.

Prima di cominciare a stringere un po’ la cinghia sulle uscite di denaro ridimensionabili, ti consiglio di azzerare le tue situazioni pendenti e i piccoli debiti per poter cominciare un planning trasparente.

Esistono molte App che aiutano senza fatica a gestire il tuo nuovo budget rivisitato, separando per te le quote di denaro da destinare al risparmio ricorrente e al mantenimento del tuo lifestyle.

1. Fai sempre la lista della spesa

Risparmiare facendo la lista della spesa

Saper fare acquisti è un’arte che si apprende con metodo e organizzazione.

Fai sempre la lista della spesa riservando una sezione agli articoli ricorrenti che non possono assolutamente mancare in dispensa.

Ti eviterà spese d’urgenza a prezzi maggiori o un pessimo risultato in una ricetta per mancanza dell’ingrediente fondamentale. Avere la geografia in testa dei supermercati abituali ti permetterà di redigere una wish list essenziale e rapida senza portarti fuori strada dai tuoi obiettivi di risparmio.

Se sarai così organizzato da pianificare i tuoi menù settimanali potrai avere una lista della spesa per gli alimenti freschi e una lista anche mensile per quelli non deperibili e a lunga conservazione.

Esistono App eccezionali (Listonic, ListON, Lista della Spesa Gratis) che ti aiutano a stilare la tua nota spese e addirittura ti segnalano la comparazione dei prezzi nei vari supermercati della tua zona.

2. Dividi il conto per le necessità da quello per gli extra

risparmia dividendo costi fissi e extra

Mettere in atto un piano d’azione per risparmiare soldi ogni giorno ti costringerà a prendere coscienza che ci sono dei costi fissi dai quali non riuscirai a separarti.

Per analizzare meglio il tuo budget mensile inserisci nel tuo plan i costi fissi quali:

  • affitto;
  • mutuo;
  • spese condominiali;
  • tasse;
  • internet, satellitare, luce, gas, acqua;
  • assicurazioni;
  • spese scolastiche.

Separatamente poi, prendi nota delle spese variabili comunque necessarie per mantenere il tuo lifestyle a seconda di bisogni, gusti e scelte personali:

  • alimentazione in casa e al ristorante;
  • medicinali e igiene personale;
  • trasporti;
  • attività sportive e culturali;
  • abbigliamento;
  • viaggi e vacanze;
  • regali e spese occasionali.

Per affinare ancora di più la tua guerra alle spese inutili, calcola nel tuo planning quanto denaro hai speso negli ultimi 3 mesi per acquisti d’impulso.

Infine, se oltre al salario hai delle entrate extra, sommale tutte e fai una media dividendo gli introiti totali diviso 12:

  • stipendio;
  • introiti da micro impresa;
  • sussidi, redditi ausiliari;
  • altre entrate.

Solo dopo aver fatto la differenza tra entrate mensili e spese mensili potrai constatare la tua reale salute finanziaria.

3. Crea un fondo d’emergenza

fondo d'emergenza per risparmiare

Durante il tuo piano d’azione in cammino verso l’indipendenza finanziaria, non devi mai destinare la totalità dei tuoi risparmi agli investimenti.

Risparmiare soldi ogni giorno prevede prima la costruzione di un piccolo fondo d’emergenza al quale attingere in casi estremi, una sorta di rete finanziaria che ti protegge dagli imprevisti della vita:

  • spese mediche (dentista, medicinali);
  • perdita del lavoro;
  • incidente d’auto;
  • rottura della caldaia.

Un fondo d’emergenza ti permetterà di agire subito senza aspettare che ti venga concesso un prestito, o senza attendere settimane per disinvestire e rendere liquidi i tuoi investimenti.

Non esiste una cifra di sicurezza adatta a tutti, ognuno dovrà calibrare l’importo necessario rispetto al proprio stile di vita, ma la regola base impone che con il fondo d’emergenza messo da parte dovresti poter vivere almeno 6 mesi in autonomia.

4. Investi per combattere l’inflazione

investi per combattere l'inflazione

L’inflazione è un meccanismo a volte occulto che potrebbe erodere la cifra destinata ai tuoi risparmi.

Affinché questa pressione sia individuabile bisogna analizzare bene i tassi nominali sugli investimenti, ma soprattutto i tassi di rendimento reale, ossia depurati dall’inflazione.

I dati che vengono forniti regolarmente dall’ISTAT si basano su un paniere di beni e servizi che potrebbero non corrispondere al tuo carrello della spesa.

Esiste un calcolo, la cosiddetta “regola del 72” per scoprire in quanti anni i tuoi risparmi si dimezzeranno a causa dell’inflazione. Prendendo come base il 2% che è il valore attuale si otterrà:

72 diviso 2 (inflazione media) = 36 anni per vedere sfumare il tuo patrimonio di una vita con in potere d’acquisto ridotto del 50%.

Investi per combattere l’inflazione nei fondi di società che producono beni di prima necessità, nel settore farmaceutico, agroalimentare, commodity.

Un’altra asset class molto interessante che potresti considerare per proteggerti dalla perdita di valore d’acquisto dei tuoi risparmi è quella immobiliare; è risaputo che con l’aumentare dell’inflazione anche il valore degli immobili cresce (a parte la bolla del 2008).

Se l’oro ha sempre rappresentato un bene rifugio, si è notato che sul lungo periodo il valore dell’attivo è sceso per anni consecutivi. Il nuovo oro digitale, le criptovalute, hanno davvero performato molto bene contro l’inflazione, ma non si può dire di avere uno storico consolidato visto che fino al 2008 non si parlava nemmeno di Bitcoin.

5. Evita acquisti d’impulso

evita acquisti d'impulso per risparmiare

Quando ti lanci in rete munito di carta di credito per soddisfare i desideri effimeri del momento, sappi che potresti in un soffio rovinare tutti i tuoi sforzi fatti per risparmiare soldi ogni giorno, senza creare nessun valore aggiunto alla tua vita.

La prima trappola che troverai appetibile sarà un articolo in saldo o in promozione con una scadenza temporale limitata.

Combinare un’offerta per te irresistibile con l’urgenza della limited edition sarà la trappola di marketing alla quale dovrai resistere.

Da non sottovalutare anche l’abitudine pericolosa di scorrere le App di food delivery nei momenti in cui sei particolarmente affamato; cederesti subito alla colata di mozzarella e alla glassa succulenta dell’hamburger sul display del cell.

In poche parole sarà sufficiente che tu cancelli dai maggiori siti sui quali fai acquisti, la memorizzazione dei dati della tua carta prepagata.

L’impegno di dover estrarre la card, digitare l’anagrafica e ultimare il processo di verifica da parte della piattaforma sarà un deterrente molto utile a farti passare la voglia di acquistare impulsivamente.

6. Occhio ai costi nascosti

controlla i costi nascosti

La tua chiave d’oro verso l’indipendenza finanziaria si basa totalmente sul come risparmiare soldi ogni giorno. Prima di chiudere qualsiasi contratto, che sia di un conto corrente, di un abbonamento Sky, della fibra ottica o di qualche altra sottoscrizione a tuo nome soffermati bene sulle clausole e impara a fare domande.

Sarà la delusione per la poca trasparenza a renderti disilluso, oltre all’ammontare dei costi nascosti insiti nelle fatture. Nuove installazioni, cambi di tecnologia, decoder, cavi; è proprio in questi passaggi che si insidiano le spese occulte, con allungamenti orizzontali di connessione fino a casa tua.

Anche la dicitura c/c a zero spese spesso nasconde costi che non immaginavi ti venissero poi addebitati: imposte di bollo, commissioni, oneri accessori e prelevamenti oltre il numero limite costituiscono un surplus che fa lievitare il costo mensile della tua tenuta conto.

7. Occhio ai tassi quando acquisti a rate!

controlla i tassi per risparmiare

Se non starai attento ai tassi sui tuoi acquisti a rate potresti cadere in una spirale di indebitamento che vanificherà in un lampo tutti i tuoi sforzi per mettere da parte una rendita futura.

Le finanziarie usano specchietti per le allodole incantando il cliente finale con rate a tasso zero che in realtà finiscono per diventare a due cifre.

Esistono due differenti indici per quantificare il rateo di interessi da pagare: il TAN e il TAEG – Tasso Annuo Nominale e Tasso Annuo Effettivo Globale.

È in quest’ultimo che vengono convogliate tutte le spese accessorie, come istruttoria, comunicazioni e spedizione documenti. Leggi bene il documento informativo precontrattuale che contiene esattamente tutte le clausole in modo da non avere sorprese al momento del pagamento delle rate.

8. Opta per lo Sharing

sharing mobility

L’Economia del Nuovo Millennio è sempre più condivisa, e va dal car-sharing, al bike-sharing, all’office-sharing fino alle stazioni di ricarica Powerbank.

L’ automobile in questa era liquida non è più considerata un bene, ma un servizio.

Ogni giorno in Italia più di 5 milioni di persone utilizzano la sharing mobility.

Possedere un mezzo di trasporto è un costo che ti fa perdere soldi non appena esci dalla concessionaria. Infatti al momento dell’immatricolazione del veicolo il valore del bene verrà molto svalutato sul mercato, considerandolo già come usato.

Anche il mercato del lavoro ha cambiato pelle negli ultimi anni, grazie allo smart-working, al co-working e alla condivisione di spazi e uffici dislocati ovunque sul territorio. Stazioni di ricarica per device elettronici, prese USB, e ogni sorta di tecnologia può essere utilizzata in sharing, ma l’uso di Powerbank ti garantirà sempre di poter ricaricare Pc, videocamere e cellulari ovunque tu sia. Sono batterie ricaricabili con riserve singole o multiple a seconda delle tue necessità di studio o lavoro.

9. Utilizza Applicazioni o Excel per tenere il conto di quanto spendi

risparmiare soldi ogni giorno

Come risparmiare soldi ogni giorno con una semplice tabella di calcolo Excel?

È molto facile: nominare 12 celle con i nomi dei mesi in verticale e assegnare in orizzontale una cella per ogni spesa del mese e per ogni tipo diverso di entrata mensile.

Se non vuoi perdere tempo a costruire il tuo foglio di calcolo, potrai sfruttare le innumerevoli App per gestire in modo veloce e corretto il tuo budget. In rete ce n’è per tutte le età, e per ogni profilo finanziario.

Moneon, iSpesa, Monefy sono solo alcune delle applicazioni che potrebbero aiutarti ad avere una visione a 360° dei tuoi flussi di cassa. Molte sono anche in grado di segnalarti quando sei di fronte ad una criticità, e riescono a rimetterti sull’obiettivo del budget prima che tu perda l’hype.

10. Utilizza siti di cashback come Bestshopping

bestshopping logo

Risparmiare soldi ogni giorno è possibile usando siti di cashback.

Ad ogni acquisto ti viene restituita una percentuale della somma che hai speso, accreditata immediatamente su un portafoglio virtuale.

Bestshopping oltre alla funzione cashback classica ha anche delle sezioni con buoni spesa e codici sconto. Appaiono i marchi dei siti convenzionati e la percentuale di cashback offerta da ogni brand.

La piattaforma Bestshopping processa il tuo acquisto e ti eroga buoni Amazon o valori anche tramite bonifico bancario. Ogni mese la vetrina del Super Cashback cambia, mostrando i marchi che ti restituiranno la percentuale maggiore.

Conclusioni

Intraprendere una mission verso la tua indipendenza finanziaria ti permetterà di consolidare nuove abitudini di risparmio e di lifestyle.

Restare focalizzato sui tuoi progetti manterrà alta la tua motivazione; monitorare spesso sulle App tutti i risultati ottenuti enfatizzerà lo spirito della tua impresa anche nei giorni in cui vorresti spendere tutto in cose inutili. Minimizzare gli acquisti d’impulso e prefissarti mete brevi renderà il tuo obiettivo facile da raggiungere!

Per ulteriori consigli su come risparmiare, puoi leggere i nostri articoli su:

Quale prossima guida leggerai?

In questa tabella ti mostro alcuni degli articoli di questo blog che dovresti assolutamente leggere. Se il guadagnare soldi, il risparmio e gli investimenti ti interessano, ecco i migliori articoli!

Voter post

Pas de commentaire

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.